Prendi le monete, sono cinque d’oro....


Chi si chiede chi paghi poche piantine e qualche badile,
si interroga anche su chi paga chi gli sta
rapinando lo stipendio, il posto di lavoro, eccetera?
Temo di no.
(Irene, guerrigliera)

Di solito, quando acquistiamo materiale per i nostri attacchi oppure nel bel mezzo degli assalti verdi, dopo averci chiesto perche’ lo facciamo, la domanda immediatamente successiva (posta in vari modi)  e’:

“Chi vi paga?”

La forma piu’ complessa del quesito e' stata:
“Avete una Partita IVA?”

A volte, e’ difficile far capire alle persone che si possa fare qualcosa di bello per la collettivita’, senza per questo cercare un tornaconto personale (a meno che, per tornaconto, non si intenda la soddisfazione di veder pubblicato un attacco su un giornale o di leggere su facebook i commenti entusiasti di chi non c’era e promette di partecipare all’azione successiva).

E’ per questo che abbiamo deciso di aggiungere tra le pagine del blog, un disclaimer per sottolineare che non riceviamo finanziamenti da nessun movimento politico o partitico, ne’ accettiamo donazioni da parte di aziende o vivai che dovessero richiedere – in cambio – una qualsiasi forma di pubblicita’.

Siamo dell’idea che chi ha a cuore la causa, donera’ qualcosa (soldi, attrezzi o piante) per il puro piacere di vedere un po’ di verde illegale in citta’.

Eppure, non possiamo negare che questo nostro “gioco di guerriglieri” cominci a pesare un po’ sulle nostre tasche.

Nella pagina “il Campo deiMiracoli” riportiamo in forma estremamente dettagliata la nostra situazione finanziaria.
Entrate e uscite vengono registrate al centesimo, semplicemente perche’ ci piace essere trasparenti con chi sostiene Terra di Nettuno.

Il nome del link e’ un ironico omaggio alla favola di Pinocchio: il Gatto e la Volpe, nel tentativo di sottrarre al burattino i suoi quattro zecchini d’oro, lo convincono a sotterrarli in un campo miracoloso dove crescera’ un albero dai cui rami penderanno monete, anziche’ frutti.

E’ per questo che, dal prossimo attacco in poi, i partecipanti troveranno una cassettina per raccogliere le eventuali donazioni.

A questo punto, pero’, urge un disclaimer nel disclaimer: non si trattera’ di “quote di sottoscrizione”.
Gli attacchi saranno sempre aperti a tutti: a chi portera’ una pianta, a chi portera’ una moneta, a chi portera’ un badile e a chi portera’ un sorriso (e d’altra parte, che valore dare a un sorriso?).

Inoltre (proprio come e’ successo in occasione della Prima Giornata Nazionale di Guerrilla Gardening), non verranno mai accettate donazioni superiori ai 3 euro affinche’ sia chiaro che lo scopo di questa raccolta fondi non e’ il lucro, ma un semplice rimborso spese.

Tutto cio’ che eccedera’ le spese sostenute, sara’ rigorosamente rendicontato e utilizzato per l’acquisto di materiale necessario ad attacchi futuri.

La nostra speranza e’ che, al contrario di quello di Pinocchio, il nostro Campo dei Miracoli funzioni davvero.

Commenti

Post popolari in questo blog

Good news

Il Crealis che distrugge

Festa di Primavera!